La cucina Nikkei, Perù e Giappone uniti per tutti i palati

Il legame tra Perù e Giappone ha radici profonde e longeve: risale infatti a quando gli emigranti giapponesi, costretti a lasciare la loro terra alla volta di nuovi orizzonti, trovarono impiego nelle fattorie per produrre la canna da zucchero. Molti di loro sono così arrivati in Perù dando vita a quella che, con più di 50.000 persone, oggi è una delle più grandi comunità giapponesi nel mondo al di fuori del Giappone.

Questo legame trova la sua maggiore espressione nella gastronomia: dall’unione delle due tradizioni culinarie è nata infatti la cucina Nikkei, che raccoglie il meglio della cucina di entrambi i paesi e che negli ultimi due decenni è cresciuta rapidamente con un autentico boom.

Tra gli ingredienti prediletti dalla cucina Nikkei, ci sono non solo alghe e sakè, ma anche ceviche e pisco: questi sapori, combinati tra loro, hanno già conquistato il cuore di molte città e dei migliori chef di tutto il mondo. Nei menù Nikkei si trovano piatti come polpo d’oliva, tiraditos di pesce crudo in stile sashimi e rotolo di acevichado, un succulento involtino di sushi ripieno di gamberi e avocado in tempura, avvolto nel tonno e condito con latte di tigre cremoso e salsa di maionese.

Oggi, uno dei maggiori esponenti di questa cucina è Mitsuharu Tsumura, chef di Maido, il ristorante di Lima considerato il migliore dell’America Latina e il sesto migliore al mondo secondo la classifica “The World’s Best Restaurants”.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *